Costumi degli Africani che abitano nel diserto di Libia – cibo

Cerca al mangiare, chi non gli ha veduti non potrebbe creder la pazienza che essi portano in sofferir la fame. Costoro non hanno in costume né di mangiar pane né cibo fatto di niuna sorte, ma si nutriscono del latte dei loro camelli, ed è l’usanza loro di bersi la mattina una grande scodella di quel latte, cosí caldo come egli esce delle camelle. La sera poi è la cena loro certa carne secca bollita in latte e in botiro, la quale come è cotta, ciascuno se ne piglia la sua parte in mano, e mangiato che hanno beono quel brodo, adoprando in ciò le mani in vece di cocchiari. Dipoi beonsi una tazza di latte, e questo è il fine della cena. E mentre dura loro il latte non si curano altrimenti di acqua, massimamente la primavera, in tutto il tempo della quale si trova alcuno fra loro che non s’ha lavato né mani né viso: e questo aviene sí perché in quella stagione essi non vanno alla campagna ove è l’acqua, avendo come s’è detto il latte, e sí ancora perché i camelli, quando mangiano l’erbe, non sogliono bere acqua. La vita loro fino al dí che muoiono è posta tutta o in cacciare o in rubare i camelli dei loro nimici, né si fermano in un luogo per maggiore spazio di tre o quattro giorni, il che è quanto i camelli mangiando consumano l’erba che vi si trova.

[codepeople-post-map]

 

Ramusio, Della descrizione dell'Africa e delle cose notabili che quivi sono per Giovani Lioni Africano

Original language: Old Italian

Time of action: 16 century CE

Reliability: Direct witness

This entry was posted in Africa, North Africa. Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *