Gondar

Gondar, l’antica capitale dell’impero, sorge a 12°, 36′ lat. settentrionale e 35°, 11′ long. est, e l’altura che gli è per così dire base, è bagnata da due corsi d’acqua, l’Anguereb all’est e il Kaha all’ovest, che a poca distanza si riuniscono e vanno a versare le loro acque nel lago Tzana. L’attuale città non differisce punto da tutti gli altri villaggi d’Abissinia, sia pel genere delle costruzioni, sia per l’irregolarità e il sudiciume delle vie; solo la popolazione non è molto agglomerata, le capanne divise a diversi gruppi, lasciando così molti spazii liberi che potrebbero dirsi piazze, e permettendo che molte piante vi possano così allignare. È la città della fede per eccellenza, chè oggi vi si contano quarantaquattro chiese che come edificio non offrono nulla di rimarchevole, ma riposano sempre all’ombra di grossi alberi. Il quartiere più ordinato e pulito è quello che sta al basso, riservato ai mussulmani e per questo chiamato Bet-islam; vi godono di piena libertà e sicurezza, ma non hanno facoltà di erigervi moschee. La cosa più attraente di Gondar sono certamente le rovine che si distendono ad occupare tutta la parte superiore dell’altura. Le costruzioni sono opera dei Portoghesi e datano dal secolo decimosesto; sono tutte racchiuse entro una cinta ovale, in parte merlata, che di quando in quando offre larghe aperture con arcate.

Gli edificii sono parecchi, in parte isolati e in parte collegati fra loro; tutti rettangolari, cogli angoli spesso terminati a torri quadrate o circolari. Il tempo e lo spirito devastatore hanno molto distrutto, ma in alcuni, e in quello detto il palazzo dell’Imperatore[212] che è anche il più vasto, si conservano ancora perfettamente le scale, alcune porte, soffitte, e vi si vedono le aperture dei trabochelli che nei pavimenti o negli spessori delle mura portano dai piani superiori ai sotterranei. Tutto porta traccie dell’incendio che fu uno degli ultimi sfoghi delle pazzie e degli spiriti perversi di re Teodoro. Le principali mutilazioni di questi monumenti storici sono però dovute alla madre di ras Ali, la rinomata Iteghè Menéne, che, furiosa dell’impopolarità della sua famiglia, volle distruggere parte di questi edificii, dicendo: dacchè non dobbiamo lasciare monumenti del nostro potere, è inutile che lasciamo sopravvivere quelli degli altri.

 

Rovine a Gondar

Rovine a Gondar

Filippo Vigoni, Abissinia , Chapter 11

Original language: Italian

Time of action: 19 century (year 1879) CE

Reliability: Direct witness

This entry was posted in Africa, Central Africa, North Africa. Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *